Un ricorso ha salvato il Grisol

Il torrente Grisol è uno degli ultimi torrenti ancora liberi e integri del bacino della Piave. E lo resterà grazie al ricorso presentato dal Comitato Acqua Bene Comune di Belluno, WWF, Mountain Wilderness, Peraltrestrade Dolomiti e Italia nostra Belluno contro una concessione rilasciata dalla Regione per la costruzione di una centralina idroelettrica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche ha stabilito che su questo torrente, le cui acque sono classificate di qualità elevata, era illegittimo rilasciare una concessione idroelettrica che ne avrebbe abbassato la qualità, violando la normativa italiana ed europea, in particolare la Direttiva Acque.

Un precedente importante di cui gli organismi autorizzativi (Regione, Provincia, Autorità di Bacino, ARPAV), dovranno tenere conto per altre domande di derivazione idroelettrica.

Sono circa 150 le richieste di nuova derivazione nella sola provincia di Belluno, mentre 40 sono state già realizzate. In base ai dati del GSE (Gestore servizi energetici) si calcola che, nell’ipotesi che in Italia venissero realizzate le 2500 centraline idroelettriche per cui esistono domande di concessione, queste fornirebbero meno del 3 per mille del fabbisogno energetico nazionale.

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...